VOLVO CLUB

Nuovi motori euro 6d temp

Online FedeD5

  • Iscritto da Ott 2013
  • Langhe (Cn)
  • ******
  • 4.966
  • Volvo: V50 D5 Summum
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #15 il: Ottobre 10, 2018, 22:39:32 pm »
Non me ne vogliano gli amici Milanesi ma avete un sindaco che a una gara di buffoni fa primo, secondo e terzo da solo.
Non è neanche riuscito a gestire l expo senza farci entrare la mafia e gli si da da governare una città come Milano.
Siamo messi bene  :-bene

Offline antonello volvista

  • Iscritto da Gen 2015
  • mandas (ca)
  • ******
  • 1.160
    • postimage.org
  • Volvo: ex volvo 740 turbo, ex volvo s70 tdi. volvo s6o d5 185
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #16 il: Ottobre 10, 2018, 23:34:22 pm »
Notizia di oggi, l'Emilua Romagna ha fatto un passo indietro su diesel euro 4,  praticamente può circolare..
il motore diesel immette meno gas inquinanti con effetto serra, rispetto al benzina, e visto i cataclismi che stanno succedendo, spingere solo sul benzina, aumenta ancor di più l'aumento della temperatura sul pianeta..

Offline antonello volvista

  • Iscritto da Gen 2015
  • mandas (ca)
  • ******
  • 1.160
    • postimage.org
  • Volvo: ex volvo 740 turbo, ex volvo s70 tdi. volvo s6o d5 185
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #17 il: Ottobre 10, 2018, 23:36:15 pm »
Scusate il " gioco " di aumenti..

Offline fmax

  • Iscritto da Ott 2018
  • *
  • 16
  • Volvo: nessuna
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #18 il: Ottobre 11, 2018, 13:42:21 pm »
Sarebbe auspicabile una politica più ragionata sul diesel.
Dati alla mano i nuovi e i prossimi euro 6 full dovrebbero essere meno inquinanti dei motori a benzina.
I modelli ibridi attualmente in commercio non sempre sono adeguati.
Penso a chi fa molta autostrada.
Al momento, però, stati le politiche attuali, l'acquisto del diesel è un azzardo.
Un euro 6 sarà tollerato ma non si sa per quanti anni.
Io percorro pochi chilometri all'anno; perciò cambio l'auto ogni 7-8 anni.
Comprando oggi un euro 6, tra 8 anni avrà poco più di 100.000 km. e rischio di avere una valutazione sull'usato ridicola.
Il benzina è un'incognita, sempre in ragione delle politiche in favore delle ibride.
I costi di una Volvo ibrida, poi, li conosciamo bene.
Difficile che, data la situazione economica, lo Stato possa introdurre incentivi per l'acquisto di modelli ibridi.
 


Offline Hyperdutchxl

  • Iscritto da Lug 2015
  • **
  • 130
  • Volvo: V50 D2 - V60 D3 - V90 CC D4
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #20 il: Ottobre 12, 2018, 18:37:25 pm »
Secondo me l'brido ha poco senso.
E' una tecnologia molto complessa e costosa utile solo per continuare ad usare i carburanti fossili, magari consumandone (forse) un po' meno.
Soluzione transitoria che non può avere futuro.
Meglio passare direttamente all'elettrico anche considerando che questa energia è ormai prodotta in paesi come l'Italia per circa un terzo con sistemi rinnovabili mentre in alcuni paesi ci sono obiettivi a medio termine per arrivare fino al 100% ed emissioni zero.
I questo modo si che si potranno davvero abbassare la CO2 e le polveri sottili.
Poi più avanti potrebbe arrivare anche l'idrogeno.
Tutti questi investimenti sull'ibrido mi sembrano eccessivi e sbagliati, senza prospettiva a lungo termine e fatti solo per tenere in vita i ricavi e il potere dati da petrolio e gas.
« Ultima modifica: Ottobre 12, 2018, 21:32:02 pm da Hyperdutchxl »

Offline Van

  • Iscritto da Giu 2009
  • Verona
  • *
  • 12.407
  • Volvo: XC90 D5
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #21 il: Ottobre 14, 2018, 09:29:37 am »
Secondo me l'brido ha poco senso.
E' una tecnologia molto complessa e costosa utile solo per continuare ad usare i carburanti fossili, magari consumandone (forse) un po' meno.
Soluzione transitoria che non può avere futuro.
Meglio passare direttamente all'elettrico anche considerando che questa energia è ormai prodotta in paesi come l'Italia per circa un terzo con sistemi rinnovabili mentre in alcuni paesi ci sono obiettivi a medio termine per arrivare fino al 100% ed emissioni zero.
I questo modo si che si potranno davvero abbassare la CO2 e le polveri sottili.
Poi più avanti potrebbe arrivare anche l'idrogeno.
Tutti questi investimenti sull'ibrido mi sembrano eccessivi e sbagliati, senza prospettiva a lungo termine e fatti solo per tenere in vita i ricavi e il potere dati da petrolio e gas.

 :-venerazione  :-bene
(ex: V40 1.8i Class '04 , 245 Polar '90, 945 GLE '92, V72 2.4i '01)      Penso che ancora non siate pronti per questa musica... ma ai vostri figli piacerà.

Offline ilbrazzo

  • Iscritto da Feb 2017
  • ****
  • 547
  • Busto Arsizio
  • Volvo: S60II D3 Momentum MY2017 Cambio manuale
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #22 il: Ottobre 14, 2018, 13:21:41 pm »
Secondo me l'brido ha poco senso.
E' una tecnologia molto complessa e costosa utile solo per continuare ad usare i carburanti fossili, magari consumandone (forse) un po' meno.
Ma l'elettricità per caricare le batterie delle ibride quando le attacchi alla presa ENEl, come viene prodotta?
Tipicamente da combistubili fossili, che quindi dovrebbero entrare nel bilancio energetico totale; cosa che non viene fatta per non smascherare la truffa dell'ibrido o elettrico.


Meglio passare direttamente all'elettrico anche considerando che questa energia è ormai prodotta in paesi come l'Italia per circa un terzo con sistemi rinnovabili mentre in alcuni paesi ci sono obiettivi a medio termine per arrivare fino al 100% ed emissioni zero.
Se per rinnovabili si intende idroelettrico potrebbe starci, ma se parliamo di fotovoltaico-eolico-maree ecc ecc. siamo completamente fuori strada.
Per i costi di produzione, intendo.
E resta fuori un altro importantissimo tassello del puzzle: quanto inquina produrre le batterie e quanto inquina smaltirle?


Poi più avanti potrebbe arrivare anche l'idrogeno.
L'idrogeno è (per lo meno adesso) a saldo negativo: in natura non esiste e per produrlo si deve sprecare energia elettrica, più di quanta ne generi all'interno del motore ad idrogeno.


Purtroppo molto spesso in questi discorsi si esclude volutamente dal bilancio energetico il contributo necessario per produrre energia elettrica o carburanti alternativi.

Offline Hyperdutchxl

  • Iscritto da Lug 2015
  • **
  • 130
  • Volvo: V50 D2 - V60 D3 - V90 CC D4
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #23 il: Ottobre 15, 2018, 17:02:55 pm »
Secondo me l'brido ha poco senso.
E' una tecnologia molto complessa e costosa utile solo per continuare ad usare i carburanti fossili, magari consumandone (forse) un po' meno.
Ma l'elettricità per caricare le batterie delle ibride quando le attacchi alla presa ENEl, come viene prodotta?
Tipicamente da combistubili fossili, che quindi dovrebbero entrare nel bilancio energetico totale; cosa che non viene fatta per non smascherare la truffa dell'ibrido o elettrico.

Meglio passare direttamente all'elettrico anche considerando che questa energia è ormai prodotta in paesi come l'Italia per circa un terzo con sistemi rinnovabili mentre in alcuni paesi ci sono obiettivi a medio termine per arrivare fino al 100% ed emissioni zero.
Se per rinnovabili si intende idroelettrico potrebbe starci, ma se parliamo di fotovoltaico-eolico-maree ecc ecc. siamo completamente fuori strada.
Per i costi di produzione, intendo.
E resta fuori un altro importantissimo tassello del puzzle: quanto inquina produrre le batterie e quanto inquina smaltirle?


Poi più avanti potrebbe arrivare anche l'idrogeno.
L'idrogeno è (per lo meno adesso) a saldo negativo: in natura non esiste e per produrlo si deve sprecare energia elettrica, più di quanta ne generi all'interno del motore ad idrogeno.


Purtroppo molto spesso in questi discorsi si esclude volutamente dal bilancio energetico il contributo necessario per produrre energia elettrica o carburanti alternativi.

Ripeto: l'energia elettrica rinnovabile c'è già ed in alte percentuali ed è in continuo esponenziale aumento.
Prova un po' a documentarti e vedrai come si sta evolvendo la situazione e sono sicuro che cambierai idea.
Comunque se si  brucia un combustibile fossile dentro all'automobile (come nell'ibrida) si ha sempre la peggiore delle situazioni (energia non rinnovabile che produce CO2 e polveri sottili sotto al naso delle persone), con l'elettrica non si può in prospettiva che andare verso un miglioramento e una maggiore sostenibilità.

Offline ilbrazzo

  • Iscritto da Feb 2017
  • ****
  • 547
  • Busto Arsizio
  • Volvo: S60II D3 Momentum MY2017 Cambio manuale
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #24 il: Ottobre 15, 2018, 18:23:00 pm »
Ripeto: l'energia elettrica rinnovabile c'è già ed in alte percentuali ed è in continuo esponenziale aumento.
Prova un po' a documentarti e vedrai come si sta evolvendo la situazione e sono sicuro che cambierai idea.
Ripeto: di quale rinnovabile stiamo parlando? (idroelettrico, solare, fotovoltaico, ...).
Per quanto contribuisce il solare, faccio un esempio, al fabbisogno energetico italiano?
Ricordo che il rinnovabile in aumento esponenziale inteso come fotovoltaico domestico (e forse non solo quello) lo stiamo finanziando tutti noi implicitamente con una voce della bolletta energia.



Comunque se si  brucia un combustibile fossile dentro all'automobile (come nell'ibrida) si ha sempre la peggiore delle situazioni (energia non rinnovabile che produce CO2 e polveri sottili sotto al naso delle persone), con l'elettrica non si può in prospettiva che andare verso un miglioramento e una maggiore sostenibilità.
Siamo sempre lì: ma vogliamo una volta per tutte inserire nel bilancio energetico totale SIA il costo di produzione che LE EMISSIONI della produzione di energia elettrica alla fonte?

Offline Hyperdutchxl

  • Iscritto da Lug 2015
  • **
  • 130
  • Volvo: V50 D2 - V60 D3 - V90 CC D4
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #25 il: Ottobre 15, 2018, 19:17:26 pm »
Ripeto: l'energia elettrica rinnovabile c'è già ed in alte percentuali ed è in continuo esponenziale aumento.
Prova un po' a documentarti e vedrai come si sta evolvendo la situazione e sono sicuro che cambierai idea.
Ripeto: di quale rinnovabile stiamo parlando? (idroelettrico, solare, fotovoltaico, ...).
Per quanto contribuisce il solare, faccio un esempio, al fabbisogno energetico italiano?
Ricordo che il rinnovabile in aumento esponenziale inteso come fotovoltaico domestico (e forse non solo quello) lo stiamo finanziando tutti noi implicitamente con una voce della bolletta energia.


Comunque se si  brucia un combustibile fossile dentro all'automobile (come nell'ibrida) si ha sempre la peggiore delle situazioni (energia non rinnovabile che produce CO2 e polveri sottili sotto al naso delle persone), con l'elettrica non si può in prospettiva che andare verso un miglioramento e una maggiore sostenibilità.
Siamo sempre lì: ma vogliamo una volta per tutte inserire nel bilancio energetico totale SIA il costo di produzione che LE EMISSIONI della produzione di energia elettrica alla fonte?

Non è vero, è solo una fake news, finanziamo molto di più i carburanti fossili
http://www.greenreport.it/news/economia-ecologica/litalia-spende-anno-148-miliardi-euro-sussidi-ai-combustibili-fossili/

Le emissioni alla fonte sono decisamente inferiori proprio perché vi è una quota sempre più importante di energie rinnovabili.
http://www.rinnovabili.it/energia/fotovoltaico/energie-rinnovabili-2018-italia/
« Ultima modifica: Ottobre 15, 2018, 19:20:12 pm da Hyperdutchxl »

Offline ilbrazzo

  • Iscritto da Feb 2017
  • ****
  • 547
  • Busto Arsizio
  • Volvo: S60II D3 Momentum MY2017 Cambio manuale
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #26 il: Ottobre 15, 2018, 19:34:40 pm »
Non è vero, è solo una fake news, finanziamo molto di più i carburanti fossili
Forse mi sono espresso male: intendevo dire che il famoso rimborso del (vado a memoria) 55% dei costi di installazione, che rende appetibile un impianto fotovoltaico casalingo, è una vocina seminascosta della bolletta energia che tutti noi obtorto collo siamo obbligati a pagare.
E che, senza questo rimborso, credo che pochi in Italia avrebbero installato un impianto casalingo, con la prospettiva di avere il break even a distanza di parecchi, forse troppi, anni...



Le emissioni alla fonte sono decisamente inferiori proprio perché vi è una quota sempre più importante di energie rinnovabili.
Saranno inferiori, ma vogliamo includere si o no?

Offline ilbrazzo

  • Iscritto da Feb 2017
  • ****
  • 547
  • Busto Arsizio
  • Volvo: S60II D3 Momentum MY2017 Cambio manuale
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #27 il: Ottobre 16, 2018, 01:33:13 am »

Online Franco Z.

  • Iscritto da Mar 2006
  • Bologna (Marzabotto)
  • ******
  • 11.816
  • Volvo: V70 2.0T I serie 1998 + GPL BRC Sequent Fast
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #28 il: Ottobre 16, 2018, 11:14:35 am »
In realtà, è la solita scoperta dell'acqua calda, senza (sia chiaro) nessuna intenzione denigratoria, anche perché per calda che fosse, è acqua che è sempre stata tenuta ben in frigo...

Da una parte, è parecchio che si dice (e si scrive) che le politiche di rottamazione del parco auto allo scopo di ringiovanirlo non fanno poi così tanto bene all'ambiente, tenedo conto dell'intero ciclo di vita (e le elettriche hanno costi produttivi enormi).
Dall'altro, è già da tempo che il JRC ha riconosciuto ai nuovi diesel che rispettino veramente le norme antiinquinamento, emissioni inferiori a quelle di freni e pneumatici. Il problema è nella opportunità commerciale di fargliele rispettare...



   V70 2.0T I serie 1998 + GPL BRC Sequent Fast  

a gentleman will walk but never run


Offline Ialao

  • Iscritto da Ago 2018
  • ****
  • 506
  • Volvo: V40
Re:Nuovi motori euro 6d temp
« Risposta #29 il: Ottobre 16, 2018, 14:06:18 pm »
E poi anche oggi leggi sulla stampa che Opel dovrà richiamare migliaia di auto che non rispettano la normativa euro 6 con cui sono state omologate.